PD MANDURIA. Il trasporto pubblico locale: una storia di sprechi ed inefficienze

A breve, il Comune di Manduria procederà a prorogare per l’ennesima volta l’affidamento del servizio di trasporto pubblico locale al Consorzio Trasporti Aziende Pugliesi (CO.TR.A.P.) che lo gestisce, ormai continuativamente, dal 2005.

Un servizio che – malgrado gli esorbitanti costi che, attraverso fondi regionali, pesano mediamente sui contribuenti per oltre 900.000,00 euro annui – registra forti inefficienze confermandosi del tutto inadeguato alle necessità dei cittadini, in particolare di quelli non muniti di patente o con ridotta mobilità per i quali, attesa la notevole estensione del territorio urbano, risulta estremamente difficoltoso, se non impossibile, raggiungere destinazioni dislocate nelle periferie come, tra le altre, l’attuale sede municipale, il distretto socio sanitario, l’area mercatale, il cimitero comunale, ecc.

A dispetto di un contratto che prevede diverse migliorie connesse all’informazione del programma di esercizio, agli standard qualitativi di servizio, non è in alcun modo pubblicizzata la possibilità di utilizzare applicazioni per l’acquisto dei biglietti né sono chiari i punti vendita presso i quali gli stessi sono disponibili; non si è provveduto ad integrare le paline informative con sistemi intuitivi per la consultazione degli orari e delle fermate e tanto meno si sono predisposte infrastrutture che assistano e garantiscano maggior comfort al passeggero in attesa, come disposto in numerose linee guida riguardanti il sistema di trasporto su gomma.

Il risultato è un’utenza non soddisfatta ed autobus che circolano quasi costantemente vuoti!

Insomma, cifre esorbitanti, che si rinnovano di anno in anno, per un servizio che manifesta tutta la sua precarietà che sembra tuttavia invisibile agli occhi dell’amministrazione Pecoraro che non pare intenzionata a predisporre piani di esercizio e programmazione del trasporto pubblico e a vigilare affinché l’azienda rispetti gli impegni contrattualmente assunti. Un’attenzione che sarebbe indispensabile per un servizio fondamentale che – ove ben integrato ed operativo – potrebbe contribuire anche alla riduzione dei livelli di congestione del traffico privato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.